Se una persona non ha cuore, cucina male, e le persone lo percepiscono. La gente percepisce le emozioni di chi cucina. Essere chef e titolari rappresenta quindi un’esperienza totalizzante, che assorbe ogni lato della vita, anche di quella privata.